Varonis announces strategic partnership with Microsoft to accelerate the secure adoption of Copilot.

Learn more

Soluzioni DSPM vs. CSPM: un ponte tra sicurezza dei dati e del cloud con Varonis

Esplora i ruoli essenziali delle soluzioni di DSPM e CSPM e scopri come Varonis consente di colmare il divario tra cloud e sicurezza dei dati. 
Nathan Coppinger
7 minuto di lettura
Ultimo aggiornamento 6 novembre 2023
Panoramica di CSV e DSPM

Mentre il mondo continua a migrare verso il cloud e le violazioni dei dati fanno regolarmente notizia, per le organizzazioni è diventato fondamentale garantire che la loro infrastruttura cloud, e i dati sensibili al suo interno, rimangano al sicuro.  

In questo blog esploreremo i ruoli essenziali delle soluzioni di data security posture management (DSPM) e delle soluzioni di cloud security posture management (CSPM) e discuteremo di come Varonis applica entrambe in modo univoco all'interno della nostra piattaforma, consentendo di colmare il divario tra cloud e sicurezza dei dati. 

Sebbene entrambi i tipi di soluzione siano progettati per proteggere l'organizzazione dalle minacce informatiche, adottano un approccio unico per raggiungere tale obiettivo.  

DSPM e CSPM: in cosa differiscono? 

Il DSPM assicura che i dati sensibili siano protetti ovunque risiedano, mentre il CSPM si concentra sulla protezione dell'infrastruttura cloud su cui sono costruite e ospitate le applicazioni aziendali critiche. 

Il DSPM è progettato per proteggere i dati sensibili e garantire la conformità alle normative in diversi ambienti, comprese le piattaforme SaaS, basate sul cloud e locali. 

L'obiettivo principale del DSPM è quello di garantire la sicurezza e la conformità dei dati, indipendentemente da dove risiedono. Il DSPM implementa misure complete quali la data discovery, la classificazione, i controlli di accesso e il monitoraggio continuo.  

Dall'altra parte, il CSPM mira a proteggere la tua infrastruttura cloud adottando un approccio incentrato sulle vulnerabilità. Il CSPM esegue scansioni e analizza l'infrastruttura cloud per individuare errori di configurazione e altre lacune di sicurezza nell'ambiente. Assegna punteggi di rischio per attribuire priorità all'impegno di remediation e monitora costantemente l'ambiente alla ricerca di minacce emergenti.  

Concentrandosi sulle vulnerabilità, il CSPM aiuta le organizzazioni ad automatizzare i processi di patch, garantire la conformità, adattarsi a minacce in continua evoluzione e ridurre proattivamente il rischio di sfruttamento. Questi strumenti sono fondamentali per mantenere una solida postura di sicurezza in ambienti cloud dinamici. 

Funzioni principali del DSPM 

Il DSPM fornisce alle organizzazioni gli strumenti e le funzionalità necessari per individuare, valutare, monitorare e proteggere i dati sensibili durante l'intero ciclo di vita. Ciò aiuta le organizzazioni a comprendere dove si trovano i dati sensibili, chi può accedervi, come vengono utilizzati e se sono adeguatamente protetti. 

I componenti principali di DSPM in genere includono: 

  • Rilevamento e classificazione dei dati: il DSPM automatizza le tecniche di scansione e rilevamento per individuare i dati sensibili ovunque risiedano e classificare i dati in base alla loro sensibilità e tipologia, consentendo alle organizzazioni di attribuire priorità alle misure di sicurezza e gestire meglio l'impegno per la conformità. 
  • Governance dell'accesso ai dati: il DSPM mappa le autorizzazioni nel patrimonio dei dati e consente alle organizzazioni di definire e applicare criteri di accesso e autorizzazioni che garantiscono che solo le persone autorizzate possano accedere ai dati sensibili. Il DSPM fornisce inoltre remediation automatizzata delle autorizzazioni per ridurre l'esposizione dei dati e ottenere un modello con privilegi minimi.  
  • Data risk assessment: il DSPM valuta i rischi per la sicurezza dei dati analizzando fattori quali l'esposizione dei dati, le vulnerabilità e la conformità alle normative sulla protezione dei dati. Questi strumenti offrono livelli di rischio e consigli per la remediation. 
  • Reportistica e controllo della conformità: il DSPM genera rapporti di conformità e audit log per aiutare le organizzazioni a rimanere conformi a diversi quadri normativi, come il GDPR, l'HIPAA o il CCPA. Questi rapporti sono essenziali per gli audit normativi e la governance interna.  
  • Monitoraggio delle attività e rilevamento delle minacce: il DSPM monitora i dati per individuare attività insolite o sospette come accesso eccessivo o non autorizzato, crittografia e potenziale esposizione. Ciò aiuta le organizzazioni a rilevare minacce interne, ransomware e minacce persistenti avanzate. 
  • Risposta e remediation per gli incidenti: il DSPM fornisce funzionalità di risposta agli incidenti per affrontare rapidamente gli incidenti di sicurezza e le violazioni dei dati. Questi strumenti possono automatizzare le azioni di risposta, come la rimozione dell'accesso o la chiusura dei sistemi e delle sessioni utente interessati.  

Implementando questi componenti fondamentali nell'ecosistema, un approccio DSPM consente alle aziende di individuare e ridurre il rischio di dati, mantenere la conformità e mitigare il rischio e l'impatto delle violazioni.  

 

Approfondimento sul DSPM
Guarda la registrazione.

Funzioni principali del CSPM 

Una strategia CSPM aiuta le organizzazioni a ridurre proattivamente il rischio di sfruttamento, automatizzare i processi di remediation, garantire la conformità e adattarsi alle minacce in continua evoluzione. Questo approccio è fondamentale per mantenere una solida postura di sicurezza in ambienti cloud dinamici.  

I componenti principali di CSPM in genere includono: 

  • Individuazione delle risorse: CSPM scopre e inventaria automaticamente tutte le risorse all'interno dell'ambiente cloud di un'organizzazione. Questo include macchine virtuali, bucket di storage, database, configurazioni di rete e altro ancora. L'individuazione accurata delle risorse è fondamentale per valutare la sicurezza delle risorse cloud. 
  • Gestione della configurazione: il CSPM valuta le configurazioni di sicurezza delle risorse cloud in base alle best practice del settore e agli standard di conformità, come i benchmark CIS o le linee guida di sicurezza specifiche per il cloud. Questo approccio individua le configurazioni errate che potrebbero esporre le risorse a vulnerabilità o accessi non autorizzati e indica i passaggi necessari per la remediation. 
  • Valutazione delle vulnerabilità: il CSPM esegue scansioni periodiche delle vulnerabilità delle risorse cloud per rilevare le debolezze note. Queste soluzioni offrono alle organizzazioni punteggi di vulnerabilità e possono attribuire priorità all'impegno di remediation in base alla gravità dei problemi. 
  • Remediation e creazione di report: il CSPM fornisce indicazioni e raccomandazioni per la remediation dei problemi di sicurezza individuati. Queste soluzioni offrono report e dashboard per aiutare le organizzazioni a monitorare la propria postura di sicurezza nel tempo e dimostrare la conformità ai revisori. Alcune soluzioni forniscono anche funzionalità di remediation automatizzate. 
  • Valutazione della sicurezza della rete: il CSPM valuta i controlli di sicurezza della rete, tra cui regole firewall, segmentazione della rete e monitoraggio del traffico, per rilevare eventuali lacune o configurazioni errate nell'infrastruttura di rete cloud.  
  • Monitoraggio della conformità: il CSPM monitora costantemente le risorse cloud per verificarne la conformità alle normative e agli standard specifici del settore, come il GDPR, l'HIPAA o il SOC 2. Genera report di conformità e avvisa le organizzazioni quando si rileva una non conformità tramite la deriva della configurazione. 
  • Rilevamento e risposta delle minacce: alcune soluzioni di CSPM offrono funzionalità di rilevamento delle minacce analizzando i log cloud e i modelli di traffico di rete per individuare attività sospette o potenziali incidenti di sicurezza. Queste soluzioni possono anche fornire azioni di risposta automatizzate. 

Il CSPM è fondamentale per le organizzazioni che adottano i servizi cloud per garantire che i loro ambienti cloud siano sicuri, conformi e resilienti alle minacce. Questo approccio aiuta le organizzazioni a gestire proattivamente i rischi per la sicurezza e a mantenere una solida postura di sicurezza sfruttando le tecnologie cloud per le proprie operazioni aziendali. 

DSPM e CSPM: due elementi di una strategia di sicurezza cloud completa 

Le complessità legate alla protezione degli ambienti cloud e dei dati al loro interno sottolineano la necessità di una strategia di sicurezza che implementi sia le soluzioni di DSPM che di CSPM, garantendo che funzionino di pari passo.

Le soluzioni di DSPM consentono alle organizzazioni di monitorare e proteggere i dati sensibili ovunque si trovino, mentre il CSPM si concentra sulla protezione dell'infrastruttura cloud stessa e sulla chiusura dei percorsi ai dati all'interno. Queste due soluzioni si integrano a vicenda, offrendo una copertura completa della sicurezza in un'epoca in cui le minacce informatiche si evolvono costantemente. 

Visibilità unificata 

Insieme, le soluzioni di DSPM e di CSPM possono fornire una visione olistica dell'intero panorama della sicurezza di un'organizzazione, compresi i dati e le risorse cloud. Integrando la data discovery e l'asset discovery, le organizzazioni acquisiscono una comprensione unificata dell'ubicazione dei dati sensibili e delle modalità di archiviazione, accesso e protezione negli ambienti cloud. 

Configurazione e gestione dell'esposizione 

Le soluzioni di CSPM possono aiutare a individuare configurazioni errate o vulnerabilità all'interno degli ambienti cloud che possono esporre i dati sensibili a rischi per la sicurezza. Quando tali rischi vengono individuati, le soluzioni di DSPM possono determinare se i dati sensibili sono a rischio e fornire informazioni dettagliate sulla loro esposizione, consentendo così una remediation tempestiva. 

Gestione della conformità 

Il DSPM e il CSPM sono determinanti nel garantire la conformità agli standard normativi e alle migliori pratiche di sicurezza. Queste strategie lavorano insieme per monitorare e applicare i criteri di conformità tra dati e risorse cloud, offrendo un approccio completo alla gestione della conformità per contribuire a ridurre i rischi di sanzioni e multe.  

Risposta agli incidenti 

In caso di incidenti di sicurezza nel cloud, il CSPM è in grado di rilevare rapidamente la violazione e avviare azioni di risposta. Analogamente, il DSPM è in grado di rilevare se i dati sensibili sono stati compromessi e fornire gli strumenti e le indicazioni necessari per indagare e contenere la violazione, mitigare i rischi e segnalare eventuali fughe di dati. 

Automazione della sicurezza 

L'integrazione delle soluzioni di DSPM e CSPM può facilitare le risposte automatiche ai problemi di sicurezza individuati. Quando si rilevano vulnerabilità o configurazioni errate nell'ambiente cloud, si possono avviare azioni automatiche per ridurre al minimo la potenziale esposizione dei dati. 

Reporting e verifica migliorati 

Le organizzazioni possono utilizzare il DSPM e il CSPM per generare report completi che non solo dimostrano la conformità alle normative sulla protezione dei dati, ma forniscono anche informazioni dettagliate sulla sicurezza dei dati e delle risorse cloud. Questa reportistica può essere fondamentale per la governance interna e le verifiche normative. 

 

Integrando le soluzioni di CSPM e DSPM, le organizzazioni creano una strategia di sicurezza unificata che colma il divario tra sicurezza dei dati e del cloud, offrendo un approccio completo alla protezione dei dati sensibili in un mondo sempre più incentrato sul cloud. Questa collaborazione assicura che i dati rimangano sicuri e conformi, indipendentemente da dove vengono archiviati o da come vi si accede. 

Ottimizza e migliora la postura di sicurezza con Varonis. 

Mentre le tradizionali soluzioni di DSPM si concentrano esclusivamente sulla protezione dei dati e un approccio CSPM è incentrato sulla protezione dell'infrastruttura cloud stessa, la Varonis Data Security Platform colma il divario tra i due concetti. La nostra attenzione principale è sui dati, ma comprendiamo che le lacune della sicurezza della tua infrastruttura possono aprire percorsi verso dati sensibili che mettono a rischio la tua organizzazione.  

Varonis offre una soluzione completa per la sicurezza dei dati e del cloud. Scopriamo e classifichiamo i dati sensibili nel tuo ambiente ibrido, sia nel cloud che on-premise. Varonis utilizza criteri di classificazione altamente precisi personalizzati per soddisfare le normative, come NIST, HIPAA, SOX e GDPR, per individuare e gestire i potenziali rischi per i dati. 

Valutiamo costantemente la postura di sicurezza del cloud e dei dati con una dashboard di DSPM personalizzabile in tempo reale. Questa dashboard ti aiuta a individuare percorsi non necessari verso i dati sensibili, tramite accessi eccessivi, connessioni ad app di terze parti o configurazioni errate.  

DSPM Dashboard_DebunkingBlog

Le nostre dashboard di DSPM offrono a te e ai tuoi auditor una visione in tempo reale e prioritaria del rischio dei dati e di come cambia nel tempo.

La nostra piattaforma SaaS rileva automaticamente gli errori di configurazione che potrebbero esporre l'ambiente cloud e i dati a rischi, come bucket esposti pubblicamente, criteri password deboli e impostazioni IAM eccessivamente permissive. Varonis assegna a ogni configurazione errata un livello di gravità e fornisce passaggi immediati per la remediation. Gli utenti possono anche correggere automaticamente alcuni errori di configurazione con un semplice clic di un pulsante, direttamente dall'interfaccia di Varonis. 

Varonis esamina nel dettaglio i dati, analizzando costantemente le autorizzazioni su diversi data store, da quelli SaaS e IaaS a quelli on-premise. Questa analisi granulare rivela dove i dati sensibili sono esposti internamente, esternamente o pubblicamente, mostrando chi ha accesso, quale livello di accesso possiede e come lo ha acquisito. Varonis eccelle nella remediation automatica, che consente di correggere costantemente l'accesso eccessivo e obsoleto ai dati su larga scala per limitare l'impatto di una potenziale violazione. 

Inoltre, monitoriamo e normalizziamo l'attività dei dati, creando un audit trail degli eventi leggibile dall'uomo tra cloud. Ti invieremo alert su attività anomale o rischiose, come l'accesso insolito o eccessivo a dati sensibili, potenziali eventi di esfiltrazione, escalation dei privilegi e modifiche di configurazioni critiche.  

Threat-Detection@2xVaronis ti invierà alert automatici e limiterà le attività insolite che potrebbero portare a una violazione dei dati. 

Ogni cliente Varonis ha accesso al nostro team di risposta proattiva agli incidenti, che fornisce un esperto di cybersecurity dedicato per monitorare i dati alla ricerca di minacce, indagare sugli alert e far emergere solo incidenti autentici, che richiedono un'attenzione immediata. Questo approccio proattivo significa che Varonis può aiutare a rilevare e rispondere rapidamente alle minacce prima che prendano piede, mitigando il potenziale impatto di una violazione e migliorando la postura di sicurezza generale. 

Pertanto, se un aggressore riesce a infiltrarsi nel tuo ambiente sfruttando una vulnerabilità del cloud o un'errata configurazione, Varonis lo rileverà non appena inizierà a toccare e tentare di esfiltrare i dati.  

Vuoi migliorare la tua postura di sicurezza? Inizia oggi stesso con una Data Risk Assessment gratuita Varonis.

What you should do now

Below are three ways we can help you begin your journey to reducing data risk at your company:

  1. Schedule a demo session with us, where we can show you around, answer your questions, and help you see if Varonis is right for you.
  2. Download our free report and learn the risks associated with SaaS data exposure.
  3. Share this blog post with someone you know who'd enjoy reading it. Share it with them via email, LinkedIn, Reddit, or Facebook.

Try Varonis free.

Get a detailed data risk report based on your company’s data.
Deploys in minutes.

Keep reading

Varonis tackles hundreds of use cases, making it the ultimate platform to stop data breaches and ensure compliance.